I Carabinieri hanno eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal gip del tribunale di Termini Imerese nei confronti di 8 persone accusate a vario titolo di avere messo a segno furti in appartamento. Uno degli indagati è in carcere, 5 agli arresti domiciliari e 2 con obbligo di dimora nel comune di residenza. Sono accusati di furto aggravato, furto in abitazione, minaccia aggravata, danneggiamento, lesioni personali aggravate, commessi a Bagheria e nei comuni limitrofi, nel periodo compreso tra il luglio ed il dicembre del 2017. Secondo gli investigatori, le abitazioni da colpire venivano individuate da una donna, di 40 anni di Bagheria, anche lei destinataria di una misura cautelare, che “studiava” le abitudini della vittima, e informava la banda quando l’abitazione era libera in occasioni di matrimoni, funerali o gite fuori porta. Le indagini dei militari hanno individuato presunti autori di ben 16 furti: in alcuni casi è stata recuperata la refurtiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Mastropietro, indagati per violenza sessuale i due uomini incontrati dopo la fuga dalla comunità Pars

prev
Articolo Successivo

Preti pedofili, dopo i casi McCarrick e Pell la condanna di Barbarin. Le parole del Papa rischiano di diventare un boomerang

next