Bottiglie molotov contro negozi e lidi balneari, spaccio di droghe nei paesi del Tarantino, banconote false prodotte e messe in circolo. Sono le principali accuse di un’indagine della Dda di Lecce e della procura di Taranto che hanno portato a 25 arresti nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo criminale della Sacra Corona Unita, il cui boss impartiva ordini dal carcere ai suoi due luogotenenti attraverso l’uso di pizzini. Nell’ambito della stessa operazione sono state eseguite anche altre 5 ordinanze firmate dal gip del Tribunale di Taranto nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili a vario titolo di estorsione, rapina e spaccio.

L’organizzazione – prevalentemente dedita al traffico di stupefacenti e all’imposizione del “pizzo” ai commercianti di Lizzano, in provincia di Taranto, con “metodi tipicamente mafiosi”, fra cui diversi incendi di locali con l’uso di bottiglie molotov – era capeggiata da Giovanni Cagnazzo, già detenuto a Prato, che faceva recapitare i “pizzini” all’esterno della struttura carceraria attraverso una donna, anche lei arrestata, compagna di una delle figure chiave del gruppo criminale.

Il messaggi del presunto boss erano destinati a Pasquale Scurrano e Alessandro Scorrano, ritenuti dagli investigatori dei carabinieri “organizzatori, promotori e figure di spicco della compagine malavitosa”. I due, secondo la ricostruzione degli inquirenti, vigilavano sugli equilibri interni ed esterni al gruppo dando il proprio consenso all’affiliazione di nuovi adepti e amministravano regolarmente i guadagni derivanti dalle attività criminali.

Che consistevano, oltre allo spaccio di droghe, anche al racket delle estorsioni ai danni dei titolari degli stabilimenti balneari della litoranea jonica. “Gravi indizi di colpevolezza” nei confronti di un affiliato, stando a quanto accertato nel corso delle indagini, sono emersi per tre attentati incendiari dell’estate di tre anni fa nei confronti di altrettanti lidi e a un tentativo di estorsione nei confronti del proprietario di un quarto stabilimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mauro Rostagno, 31 anni dopo la morte dieci persone a giudizio: “Falsa testimonianza al processo per l’omicidio”

prev
Articolo Successivo

Trattativa, il pg: “Mannino assolto ma sentenza non motivata adeguatamente”

next