Urla, botte e punizioni. Ecco il quadro che è emerso dalle indagini dei carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mussomeli, che insieme ai colleghi della stazione di Milena, hanno arrestato una maestra di 60 anni in servizio nella scuola dell’infanzia “Gianni Rodari” di Milena (Caltanissetta). I militari hanno dato esecuzione alla misura cautelare emessa dal gip nisseno su richiesta della locale Procura e la donna è stata posta ai domiciliari. Le indagini, scattate poco più di un mese fa dopo le segnalazioni di alcuni genitori di bimbi di età compresa tra i 3 e i 5 anni, hanno fatto emergere ripetuti episodi di maltrattamenti, anche grazie a una telecamera nascosta installata nell’aula.

“Il quadro che emergeva sin dal primo giorno di riprese – spiegano gli investigatori dell’Arma – ha confermato l’ipotesi accusatoria”. La maestra ogni giorno avrebbe messo in atto comportamenti violenti: urla e atteggiamenti minacciosi, percosse, strattonamenti e arbitrarie punizioni di vario genere, tanto da creare un clima di terrore all’interno della classe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, inchiesta sui conti Ama: indagati Franco Giampaoletti, dg del Campidoglio, e due tecnici

prev
Articolo Successivo

Foggia, blitz a Borgo Mezzanone: abbattute baracche con droga e squillo. Pm: “Coniugare legalità e dignità umana”

next