La revoca della scorta al giornalista Sandro Ruotolo è stata sospesa. Dopo l’annuncio di Paolo Borrometi, cronista siciliano che vive anche lui sotto protezione per le minacce subite dalla mafia, la conferma arriva direttamente da un tweet di Ruotolo: “Anche se non ho ricevuto ancora una comunicazione formale è tutto vero. È stata sospesa la revoca della mia scorta. Dal 15 febbraio non sarei stato più protetto. La scorta resta. Gli organi preposti dovranno quindi rivalutare la mia situazione e decidere di conseguenza”, ha spiegato il giornalista.

Ad anticipare Ruotolo era stato il suo collega Borrometi, parlando con i cronisti a margine della cerimonia per il conferimento della cittadinanza onoraria di Palermo, concessagli dal sindaco Leoluca Orlando. “Posso darvi una buona notizia: ho sentito qualche minuto fa Sandro e mi ha detto che gli è stata comunicata la revoca della sospensione della scorta. Continuerà a essere protetto dallo Stato”, ha detto Borrometi, come riporta l’agenzia Dire.

Dal 15 febbraio Ruotolo, ora nella squadra di Fanpage.it e già inviato di Michele Santoro, sarebbe rimasto senza scorta. Revocato anche il quarto livello di protezione – agente e auto non blindata – che dal maggio scorso era stato disposto per il giornalista che Michele Zagaria vorrebbe ‘squartare vivo’, parole del boss del clan dei Casalesi intercettate in un colloquio in carcere a Milano nel 2014.

“Ruotolo merita tutela nella misura in cui i criteri che sono fissati determinano che chi è stato oggetto di minacce da parte di soggetti di cui i sodali sono ancora in piena attività merita tutela. Per cui, giacché gli Zagaria, i quali sono stati in qualche modo coinvolti in un’operazione che ha visto, fra gli altri, l’arresto dell’ex sindaco di Capua, sono tuttora soggetti criminalmente rilevanti, io mi chiedo se sia stata la scelta giusta toglierli la scorta”, ha detto il senatore Nicola Morra, del M5s, presidente della Commissione Parlamentare Antimafia. “Sono anche convinto – ha aggiunto Morra – che, a breve, potrebbe esserci un ripensamento, questo è quello che auspico. Stiamo facendo le nostre valutazioni e chi di dovere è stato già informato”. “Ho sentito Ruotolo, ha vinto lo Stato in cui crediamo, la vinto lo Stato che non viene meno ai suoi doveri e che protegge chi indaga sulla mafia”.

Luigi Di Maio lunedì aveva definito la decisione “assurda e specificato che “se è stata fatta una scelta imprudente, Ruotolo merita la scorta perché lui è uno di quei giornalisti di questa terra che si è battuto nella lotta alla criminalità organizzata e alla camorra“. Sulla stessa linea le parole di Roberto Fico che domenica a Che tempo che fa aveva sottolineato che “lo Stato deve essere vicino ai giornalisti e tutti i cittadini che parlano e scrivono di mafia, denunciano la mafia e i mafiosi“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scorta a Ruotolo, Di Maio: “Revocarla è una cosa assurda”. Saviano: “La Rai mandi in onda la sua inchiesta su Salvini”

prev
Articolo Successivo

Caserta, “soldi al clan Belforte in cambio di voti alle Regionali 2015”: 12 persone in carcere, 5 ai domiciliari

next