E’ stata respinta dalla Cassazione l’istanza di revisione del processo avanzata dai legali dell’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri condannato con sentenza definitiva a sette anni per concorso in associazione mafiosa. La decisione è stata presa dalla quinta sezione penale che ha respinto il ricorso degli avvocati Francesco Centonze e Tullio Padovani che chiedevano che all’ex braccio destro di Silvio Berlusconi fosse applicata la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sul caso di Bruno Contrada ex funzionario del Sisde che fu processato per un reato che, a dire dei giudici di Strasburgo, all’epoca dei fatti contestati non esisteva, lo stesso contestato al fondatore di Forza Italia.

Già nella sua requisitoria il sostituto pg Perla Lori aveva sbarrato la strada alla revisione sostenendo che la pronuncia Cedu era riferita al caso “singolo” di Contrada “e non era suscettibile di essere estesa ad altri anche perché non si tratta di una sentenza della Grande Chambre“. Con questo verdetto la Cassazione ha confermato il no alla revisione pronunciato poco meno di un anno fa, l’8 marzo, dalla Corte d’Appello di Caltanissetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pecunia non olet, Da Rold e il libro sul boss Vito Palazzolo e Finmeccanica: “Mafia da colletto bianco in azienda di Stato”

prev
Articolo Successivo

Mafia e droga, 16 arresti a Catania: c’è anche un ex sindaco della provincia

next