Sergio Marchionne, il Ponte Morandi, ma anche “Cosa significa ipovedente?”, oppure “Perché i giocatori hanno un segno rosso in faccia?”. Sono i trend di ricerca del 2018 stilati da Google. Vale a dire le curiosità, le domande, gli eventi per i quali gli italiani si sono rivolti al motore di ricerca più usato al mondo. Il reparto analitico di Mountain View ha diviso le tipologie di ricerche tra parole, eventi, personaggi, significati, domande, ricette e altro.

Così al primo posto tra le parole cercate troviamo la manifestazione più seguita a livello internazionale: i Mondiali. I cibernauti nostrani sono rimasti fedeli alla competizione calcistica, che si è giocata in Russia tra il 14 giugno e il 15 luglio, nonostante l’assenza degli azzurri e il trionfo in campo dei francesi.

L’uomo con il maglioncino, il manager che ha rivoluzionato l’industria automobilistica italiana, è stato invece la persona con il trend di ricerche maggiore. Anche se in termini assoluti il pallone d’oro Cristiano Ronaldo è stato cliccato più volte, Marchionne ha avuto un’impennata più repentina. Le ricerche si sono concentrate tra il giorno dell’annuncio delle condizioni di coma irreversibile (il 22 luglio) e quello della sua morte, tre giorni dopo. A scatenare le dita sulla tastiera, in generale, sono stati i decessi. Tra i nomi più digitati anche quello del conduttore Fabrizio Frizzi, scomparso il 26 marzo, del dj Avicii trovato morto in Oman il 20 aprile, e del calciatore Davide Astori, colpito da un infarto nella notte tra il 3 e il 4 marzo. Anche le donne hanno fatto la loro parte. Una su tutte: Meghan Markle, la neo duchessa di Sussex e new entry della Royal Family ha conquistato tutti, raggiungendo la prima posizione nella classifica globale delle persone più cercate.

Ad interessare gli italiani, subito dopo i Mondiali, sono state le elezioni del 4 marzo, seconde nella categoria ‘eventi’. Dietro di loro un grande classico, Sanremo, che ogni anno tiene incollati milioni di telespettatori allo schermo. Nella top ten anche il Ponte Morandi, una pagina nera della cronaca italiana, il cui crollo, il 14 agosto scorso, ha causato 43 morti e oltre 500 sfollati.

Google ha poi soddisfatto le richieste degli italiani rispondendo ai loro dubbi sul significato delle parole. L’espressione più cercata? Sessista. Seguita poi da ipovedente. Tra le prime dieci posizioni anche termini stravaganti, come ‘scopofobia‘ (la paura di attirare l’attenzione altrui) e ‘cherofobia‘ (la paura di essere felici), termine reso famoso dalla giovane promessa di X-Factor, Martina Attili. Tra i trend anche parole straniere come Brexit (il termine usato per indicare il ‘divorzio’ tra Regno Unito e Unione europea) e impeachment (la messa in stato d’accusa).

Non sono mancate curiosità alle quali gli utenti hanno tentato di dare risposta semplicemente digitando la domanda sul motore di ricerca. “Perché si festeggia l’8 marzo?”, è la prima nei trend di ricerca, seguita da “perché i giocatori hanno un segno rosso in faccia?”. Ma soprattutto è stato il mondo dello spettacolo a instillare il dubbio negli italiani. “Perché Fedez e J-Ax hanno litigato?”, si sono chiesti in molti, colpiti dal divorzio artistico, e non, dei due rapper. O ancora: “Perché Ilary Blasi ha la parrucca?”, si sono domandati altri, incuriositi dal frequente cambio di look che la presentatrice ha sfoggiato durante l’ultima edizione del Grande Fratello Vip. Curiosità anche su Asia Argento e l’addio di X-Factor.

Categoria a parte che non ha corrispondenza a livello mondiale è il trend di ricette cercate. Stravince la pastiera napoletana con un picco di digitazioni sotto il periodo pasquale, secondo l’universale tiramisù, con un andamento costante per tutto l’anno. Al terzo posto la carbonara, che vanta già il primato di pasta più amata dagli italiani. A voler scoprire come cucinarla sono stati soprattutto i pugliesi, seguiti da laziali e marchigiani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bre Payton, giornalista 26enne muore improvvisamente per influenza e meningite

prev
Articolo Successivo

Ragazza 29enne si fa praticare un filler da un’estetista durante un botox party e il risultato è scioccante: “Non lo augurerei al mio peggior nemico”

next