È stato trovato morto durante un viaggio a Muscat, capitale dell’Oman, ma sulle cause del decesso ancora nessuna notizia. Aveva 28 anni Tim Bergling, noto in tutto il mondo come Avicii, dj e produttore svedese che nella sua carriera ha collaborato con artisti del calibro di Madonna e dei Coldplay. La notizia del decesso è stata riportata dalla Bbc, che ha citato le parole di Diana Baron, agente dell’artista. “È con profondo dolore che annunciamo la perdita di Tim Bergling, anche noto come Avicii. La famiglia è devastata e chiediamo a tutti di rispettare il loro bisogno di privacy in questo momento difficile. Non saranno rilasciate altre dichiarazioni“, ha fatto sapere il suo rappresentante. Il ritrovamento del corpo risale al pomeriggio di venerdì 20 aprile. In passato, ricorda Tmz, Avicii aveva avuto problemi con l’alcol, in relazione ai quali era stato ricoverato in ospedale due volte. Non è chiaro tuttavia se il decesso possa avere legami con questo tipo di problemi di salute. Star dell’Electronic Dance Music, due MTV Music Awards, un Billboard Music Award e due nomination ai Grammy, tra i suoi brani più famosi ci sono ‘Levels‘, ‘Hey Brothers’ e ‘Wake me up‘. A fine 2016 si era ritirato dalle scene, ma prima di allora era fra i dj più pagati al mondo: secondo Forbes, ricorda sempre Tmz, nel 2014 aveva guadagnato 28 milioni di dollari. Il suo ultimo post su Instagram risale a oltre due settimane fa, quando era in California.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sabine Devieilhe, ieri ho ascoltato l’usignolo che ha incantato Roma

next
Articolo Successivo

Beyoncé si esibisce al Coachella con la sorella Solange. Ma non va tutto come dovrebbe andare

next