Gaffe del senatore della Lega, Pasquale Pepe, durante la discussione sul ddl anticorruzione al Senato. Il parlamentare esordisce puntando il dito contro il Pd, scatenando le proteste dei senatori dem, Andrea Marcucci e Teresa Bellanova. A stento la vicepresidente del Senato, Paola Taverna, riesce a placare la bagarre.
Quando riprende la parola, Pepe dichiara, sempre accusando il Pd: “Vorrei ricordare che quella cultura politica, in un frangente di questa Repubblica, ha addirittura provato ad aiutare Sofri, Bompressi e Pietrostefani, perché hanno una visione giustizialista quando conviene a loro, o, di converso, garantista sempre quando conviene a loro. A proposito di Sofri, caro ministro, spero che il presidente Bolsonaro finalmente lo assicuri alle patrie galere per i crimini schifosi che ha commesso qui in Italia”.
Nessuno nota l’errore marchiano, tanto che i colleghi di Pepe applaudono convintamente (Adriano Sofri, ex leader di Lotta Continua, vive a Pisa ed è libero dal gennaio 2012, dopo la condanna quale mandante dell’omicidio del commissario di polizia Luigi Calabresi, avvenuto nel gennaio del 1972).
E la stessa senatrice Taverna risponde: “Senatore Pepe, si attenga al merito del provvedimento. La magistratura farà il suo dovere nell’ambito di quello che è il suo compio“.
Dell’errore si è accorto invece l’addetto al resoconto stenografico della seduta, visto che, come spesso accade in caso di gaffe dei parlamentari, ha graziato Pepe con questa trascrizione: “A proposito di terroristi, caro Ministro, spero che il presidente Bolsonaro finalmente assicuri Battisti alle patrie galere per i crimini schifosi che ha commesso qui in Italia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Giorgetti: “M5s ha vinto così al Sud. È Italia che non ci piace”. La replica: “Offende chi ci vota”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, partito di Renzi al 6,1%. E quasi tutti i voti (4 su 5) li ruberebbe al Pd

next