SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ETA’ di e con Daniel Auteuil. Con Sandrine Kiberlain,  Adriana Ugarte,  Gérard Depardieu. Francia 2018. Durata: 94’. Voto: 2,5/5 (AMP)

Attore supremo ma regista modesto. Daniel Auteuil si cimenta dietro la mdp esplorando il desiderio “collettivo” del maschio di mezza d’età di ogni latitudine e cultura possibili: il sogno erotico di fronte a una giovane sexy, piacente e naturalmente “impraticabile”. O meglio, “praticabile” solo fortuitamente come nel caso dell’amico Patrick (Depardieu, buon assist al compare Auteuil..) che riesce a fidanzarsi con una bomba catalana fuori catalogo, lasciando per lei la moglie colta e sodale. Quando Patrick propone a Daniel una “cena a quattro”, l’incontro è sancito, e il sogno ad occhi aperti con esso. Tra dimensione reale e dimensione onirica, il film sviluppa il suo racconto che resta prevedibile ad eccezione del finale. Ispirato alla piéce teatrale di Florian Zeller, A testa in giù

INDIETRO

Film in uscita al cinema, da L’Ape Maia a Pupazzi Senza Gloria: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no – TRAILER

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festa del Cinema di Roma 2018, Il vizio della speranza di De Angelis: un film metaforico sulla gravidanza come “tempo di resistenza”

next
Articolo Successivo

Festa del Cinema di Roma, Cate Blanchett è una strega viola in Il mistero della casa del tempo: “Da piccola ero ossessionata dai film horror”

next