SEARCHING di Aneesh Chaganty. Con John Cho, Debra Messing, Joseph Lee. Usa 2018. Durata: 100’ Voto: 3,5/5 (DT)

La famiglia Kim usa pc e smartphone per ogni tipo di foto, filmati, appuntamenti e posta tutto online. Prima con software Microsoft poi con il Mac. Morta la giovane moglie, David deve far fronte alla misteriosa scomparsa della figlia sedicenne. Scoprirà la doppia vita della ragazza perlustrando palmo a palmo tutti i suoi account social. Apnea audiovisiva con inquadrature la cui fonte deriva esclusivamente da videocamere del pc, filmati Youtube, schermate Facetime, Facebook, Gmail, Google Maps, per un thriller che scorre rapido, meccanico e ipnotico proprio nella ripetizione mimetica e ipertecnologica tra protagonista alla ricerca della verità e quotidianità da telefonino dello spettatore (compresi gli errori di battitura negli sms). Chissà che fatica ri-girare tutto il film con le schermate in italiano! 

Film in uscita al cinema, da L’Ape Maia a Pupazzi Senza Gloria: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no – TRAILER

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del Cinema di Roma 2018, Il vizio della speranza di De Angelis: un film metaforico sulla gravidanza come “tempo di resistenza”

next
Articolo Successivo

Festa del Cinema di Roma, Cate Blanchett è una strega viola in Il mistero della casa del tempo: “Da piccola ero ossessionata dai film horror”

next