L’APE MAIA – LE OLIMPIADI DI MIELE di Alexs Stadermann, Noel Cleary e Sergio Delfino. Animazione. Durata: 78’ Voto: 2,5/5 (DT)

Galeotto fu l’arrivo dell’ambasciatore di Buzztropolis al Campo di Papaveri. Metà raccolto di miele dovrà essere donato all’imperatrice e soprattutto niente partecipazione alle Olimpiadi di Miele. Ma l’Ape Maia nella sua eterna, cocciuta e giocosa sfrontatezza ribalterà ingiustizie, regole e forze in campo partecipando con Willy e una serie di strampalati insetti alla competizione imperiale. Allegra bugs life story con animazione evocativa e surreale, quasi burtoniana, in forme e colori di piante, fiori e bestioline del sottobosco. Dalla profondità di campo e dal presunto (necessario?) realismo pixariano ovviamente siamo lontani, ma la storia è godibile e fluida. 

 

INDIETRO

Film in uscita al cinema, da L’Ape Maia a Pupazzi Senza Gloria: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no – TRAILER

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del Cinema di Roma 2018, Il vizio della speranza di De Angelis: un film metaforico sulla gravidanza come “tempo di resistenza”

next
Articolo Successivo

Festa del Cinema di Roma, Cate Blanchett è una strega viola in Il mistero della casa del tempo: “Da piccola ero ossessionata dai film horror”

next