PUPAZZI SENZA GLORIA di Brian Henson. Con Melissa McCarthy, Elizabeth Banks, Maya Rudolph. Usa 2018. Durata: 85’ Voto: 2,5/5 (DT)

Los Angeles oggi. Pupazzi e esseri umani convivono, con i primi vessati dai secondi. Quando il cast misto di una serie tv anni ’90 viene gradualmente decimato da un killer, Phil, un duro detective privato, ex poliziotto, e pupazzo, prova a capirci qualcosa con l’aiuto di una sboccata poliziotta in carne e ossa. Spunto comico realizzato con disinvoltura nel solco dell’animazione saltellante alla Muppets, confezionato con un’autoironica atmosfera hard boiled e un volgarissimo spassoso turpiloquio. Peccato però che dopo mezz’ora la trama si accartocci su se stessa e le situazioni si ripetano stancamente. Phil è doppiato con professionale naturalezza da Maccio Capatonda e i primi quindici minuti sono fuochi d’artificio con apice dentro ad un pornoshop per pupazzi. Non manca la citazione delle gambe accavallate da Basic Instinct. 

INDIETRO

Film in uscita al cinema, da L’Ape Maia a Pupazzi Senza Gloria: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no – TRAILER

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festa del Cinema di Roma 2018, Il vizio della speranza di De Angelis: un film metaforico sulla gravidanza come “tempo di resistenza”

next
Articolo Successivo

Festa del Cinema di Roma, Cate Blanchett è una strega viola in Il mistero della casa del tempo: “Da piccola ero ossessionata dai film horror”

next