“Nessuno può dire che il Def mette in dubbio la stabilità finanziaria dell’Italia e dell’Europa. Il programma di governo è molto preciso, moderato. Se l’Unione europea si mettesse in una posizione conflittuale verso questo programma? Non lo so, deciderà il popolo non io, io mi metto da parte”. Così il ministro per gli Affari europei Paolo Savona, nel corso di una conferenza alla sede della Stampa estera. E ancora: “Perché il 2,4% è troppo? L’Ue tiene il pilota automatico in questo quadro, ma rischia di andare contro un iceberg e lo tiene lo stesso?”, ha attaccato Savona.

In merito alla reazione dei mercati e alla crescita dello spread, Savona ha poi rivendicato: “Per Matteo Salvini è colpa della speculazione? L’Italia ha superato la prova dei mercati, che si sono comportati in modo moderato in considerazione da quanto scritto dai quotidiani e dallo scontro in corso in Europa”. Il ministro italiano si è detto invece preoccupato per lo scontro politico in atto tra “elités conservatrici che stanno cercando di imporre soluzioni deflazionistiche” e le altre forze riformiste che stanno “spingendo per “un’Europa diversa“. Per poi precisare: “Noi la scelta l”abbiamo fatta: vogliamo restare in Europa, vogliamo mantenere l’euro. Ma l’Europa faccia qualcosa per evitare che ci sia un’inversione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, mozione del centrosinistra: “Comune si costituisca parte civile al processo per i fatti di piazza San Carlo”

prev
Articolo Successivo

Def, Savona: “Salvini e Di Maio? Intemperanza verbale, ma responsabili. Nessuno vuole lasciare l’Ue”

next