Giovanni Tria, ministro dell’Economia, intervenuto ad un convegno alla Camera dei Deputati, evita le domande dei cronisti sia entrando, sia quando lascia la ‘Nuova Aula dei gruppi parlamentari’, come era già avvenuto mercoledì sera.

In Europa “ci sono delle regole che sono state sottoscritte e se ci sono ci sono. Uno può decidere di non rispettarne alcune, ma l’altra parte è legittimata a dire che le regole sono state violate. Non ci si può offendere, bisogna spiegare perché e quali sono gli obiettivi” ha detto il ministro dal palco, ma nessuna risposta alle domande dei cronisti sulle stime di crescita che il governo intende perseguire, scritte nel def e non rivelate nella conferenza stampa di ieri sera, nella quale non sono state consentite domande.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Def, la portavoce di Salvini allontana Tria dai giornalisti. Stampa parlamentare: “Niente domande, fatto grave”

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Buffagni (M5S): “Ci sono 10 miliardi. Salvini ha detto che sono 8? Si è confuso”

next