Il 12 settembre è uscito nelle sale “Sulla mia pelle“, il film che fa rivivere gli ultimi sette giorni di vita di Stefano Cucchi. Diretto da Alessio Cremonini, il film ha inaugurato la sezione Orizzonti del Festival di Venezia, volta a premiare i nuovi nomi emergenti del mondo del cinema. Sulla mia pelle racconta i giorni immediatamente precedenti quel 22 ottobre 2009 quando il giovane Stefano Cucchi, geometra di 31 anni, muore dopo sei giorni di arresto per detenzione di stupefacenti. Giovedì sera la presentazione pubblica a Roma a cui ha preso parte anche la sorella Ilaria, da sempre in prima linea nella battaglia per avere giustizia: “Per tanti anni si è cercato di cancellare questa storia, la verità nella sua drammatica semplicità – ha detto Ilaria Cucchi prima della proiezione -. Quando ho saputo dell’intenzione di realizzare questo film ero spaventata perché stavo mettendo la nostra storia e il nostro dolore nelle mani di qualcuno che non conoscevo nemmeno. Oggi posso dire che non potevo metterlo in mani migliori. Questo film è ciò che dovevo a mio fratello”. Accanto a Ilaria anche l’avvocato Fabio Anselmo: “Un film molto severo, per nulla tenero con Stefano, non gli regala nulla, proprio per questo un film vero. Questo lo dobbiamo alla produzione ma anche alla famiglia Cucchi. Perché la famiglia cucchi è una famiglia onesta, che rispetta lo stato ma che dallo stato non è stata rispettata. Sono convinto e spero di non essere smentito che la morte di Stefano Cucchi avrà giustizia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, l’Onu dice “no” a Macron: “Nessun voto prima del 2019”. La Francia non ci sta: “Lavoriamo per il 10 dicembre”

prev
Articolo Successivo

Ragazza suicida dopo diffusione video e foto: verso il processo due giovani

next