Un lungo applauso, con una standing ovation del pubblico, ha accolto Salvatore Borsellino alla festa del Fatto Quotidiano alla Versiliana di Marina di Pietrasanta, ospite all’incontro intitolato dedicato alle stragi italiane e alla ricerca dei mandanti. Appena salito sul palco, il pubblico ha chiesto un minuto di silenzio per la sorella Rita, morta poche settimane fa. Ma il fratello del magistrato ucciso da Cosa nostra ha frenato la platea, facendo un appello diverso. “Non mi piacciono tanto i minuti di silenzio – ha detto rivolgendosi al pubblico – L’anno scorso in via d’Amelio ho chiesto che si urlassero i nomi di quelli che non ci sono più. Quindi se volete gridare Rita vi ringrazio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia Foggia, fermati capi della faida di Vieste: “Traffico di droga ed estorsioni. Operazione per evitare altri omicidi”

prev
Articolo Successivo

Salvatore Borsellino alla Festa del Fatto: “Non ci sono più magistrati che intendono sacrificarsi per la verità sulle stragi come Nino Di Matteo”

next