È morta a Palermo Rita Borsellino. La sorella minore del magistrato ucciso da Cosa nostra il 19 luglio del 1992 aveva 73 anni.  Malata da qualche tempo, si trovava in terapia intensiva. Farmacista come il padre, ha gestito per anni la farmacia di famiglia nel quartiere della Kalsa. Dopo l’omicidio di Paolo Borsellino – ucciso in via d’Amelio, sotto casa della madre – aveva cominciato a girare le scuole per raccontare la storia di suo fratello senza chiamarlo mai eroe. “Lui si sentiva una persona normale e così io lo racconto a chi me ne chiede”, diceva lei.

Dopo essersi impegnata nell’Arci e nell’associazione Libera di don Luigi Ciotti, nel 2006 vinse le primarie del centrosinistra e si candida presidente della Regione Siciliana, sfidando il governatore uscente Salvatore Cuffaro, in quel momento accusato di favoreggiamento a Cosa nostra (verrà poi condannato in via definitiva). La votano in 1.078.259 persone, risultando oggi l’esponente di centrosinistra più votata nella storia in Sicilia. Quei voti, però, non bastarono a battere Cuffaro che di preferenze ne raccolse addirittura trecentomila in più. Quella campagna elettorale rimase comunque nella storia dell’isola perché raccolse grande sostegno tra i giovani e la società civile.

Poi nel 2009 Borsellino venne eletta europarlamentare con il Pd grazie a ben 230mila voti di preferenza. Tre anni dopo, nel 2012, Pierluigi Bersani la candidò alle primarie del centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Palermo. Raccolse l’appoggio anche di Leoluca Orlando ma viene sconfitta per pochi voti. Non si ricandida all’europarlamento e negli ultimi anni ha visto aggravarsi le sue condizioni. A febbraio perde il marito, Renato Fiore. Alla vigilia di ferragosto l’ultima crisi. Lascia tre figli: Claudio, Cecilia e Marta.

“Ho appreso con grande tristezza la notizia della scomparrsa di Rita Borsellino,alla quale mi legavano sentimenti di vera amicizia e di condivisione . Con coraggio e determinazione, ha raccolto l’insegnamento del fratello Paolo, diventando testimone autorevole e autentica dell’antimafia e punto di riferimento per legalità e impegno per migliaia di giovani. Ai suoi familiari esprimo la mia vicinanza e la più grande solidarietà”, è il messaggio di cordoglio inviato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aquarius, la nave con a bordo 141 persone approda a Malta: esultano i migranti

next
Articolo Successivo

Rita Borsellino, la rivoluzionaria gentile che ha unito la sinistra per l’ultima volta. Crescendo una nuova generazione

next