Ecofuturo Festival 2018 quinta edizione sbarca a Padova dal 18 al 22 luglio per parlare di tecnologia in ambito ecologico, un appuntamento che nel corso degli anni ha saputo essere anzitutto un incontro tra amici uniti da un forte impegno ecologista. L’intento del Festival è quello di sensibilizzare le persone sulle straordinarie opportunità che l’ecologia riserva per il futuro. Tanti gli argomenti che verranno trattati: l’uso dei pesticidi, il recupero e riutilizzo della Coz in terra, la riduzione della Co2 in cielo, i progetti rinnovabili, l’agricoltura bioenergetica e la rinascita delle lagune venete.

Ecofuturo nasce dalla convinzione degli organizzatori, tra cui Jacopo Fo, Fabio Roggiolani e Michele Dotti che in Italia esista un patrimonio straordinario di idee che riguarda il settore ecologico tuttora da valorizzare nelle sue diverse espressioni. Un mondo denso di imprese innovative, associazionismo, amministrazioni virtuose che rappresentano delle vere e proprie eccellenze a livello internazionale.

In questi anni gli organizzatori si sono adoperati per creare una “rete di reti” eterogenea per diffondere nuovi e interessanti progetti che hanno in comune la ricerca di percorsi verso un futuro sostenibile, pacifico e solidale. “EcoFuturo ha l’obiettivo di costruire ponti, di far incontrare queste eccellenze, dare loro voce e visibilità attraverso una imponente rete di comunicazione (social media, web, tv, radio, giornali) e la possibilità di confrontarsi – in una cornice conviviale, creativa e cooperativa – per fare nascere nuove idee e possibili sinergie. Il nostro futuro passa necessariamente da un conversione ecologica della società – a tutti i livelli – in cui tutti gli attori devono essere protagonisti”, dichiarano gli organizzatori.

Il mondo che riguarda l’ecologia è sempre stato fortemente supportato dagli organizzatori, da sempre hanno sostenuto il fotovoltaico, anche quando inizialmente sembrava che potesse produrre energia solo per i giocattoli, oggi presente in oltre 600.000 abitazioni ed in molte altre eco-innovazioni. I progetti di Ecofuturo sono supportati da un importante Comitato Scientifico coordinato dai Professori Giuliano Gabbani e Maurizio Fauri e da un dialogo in rete che coinvolge numerosi Centri di ricerca italiani e alcuni istituti internazionali”. Altra battaglia esemplare di Ecofuturo è stata quella contro i combustibili fossili e il progetto con la Social academy:“Raccontate assieme a noi la rivoluzione delle ecotecnologie”.

Tutti gli incontri avverranno presso la FENICE Green Energy Park Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Veneto per la Formazione Continua nato dalla volontà congiunta della società civile e del Consorzio Zip di valorizzare uno degli ultimi polmoni verdi della città di Padova.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consumo di suolo: l’Ispra fornisce dati, l’Italia non se ne cura

prev
Articolo Successivo

Liguria, sospesi i lavori per il resort di Framura. Ma la cementificazione resta un pericolo

next