“Siamo qui per mandare un messaggio forte contro le politiche disumane della ‘Fortezza Europa‘ e del governo di Salvini, che causano la morte di migliaia di persone nel deserto e nel Mediterraneo”. Si sono presentati in un centinaio di fronte alla polizia di frontiera schierata alla frontiera tra Italia e Francia di Ventimiglia.

“Abbiamo voluto lanciare il corteo che domani attraverserà queste strade per chiedere un permesso di soggiorno europeo e la libertà di circolazione presentandoci alla frontiera con questo ‘permesso di soggiorno europeo’ – spiega Giacomo Mattiello del Progetto 20k – un documento che oggi non esiste ma che speriamo possa diventare quanto prima una realtà, un primo passo per un Europa dove oltre alle merci anche le persone possano circolare liberamente alla ricerca di una vita migliore”. I manifestanti, tutti italiani, hanno tentato pacificamente di passare la frontiera in gruppo ma sono stati fermati dalle forze dell’ordine italiane e francesi, schierate con reti e camionette.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’unica certezza è che senza le ong aumentano i morti

next
Articolo Successivo

Napoli Pride, la storia di Giuseppina e della sua personale rivoluzione

next