A un anno dalla sua presentazione al New York Film Festival e al Festival del cinema di Roma, mercoledì 11 luglio alle 21.10 Sky Arte (canale 120, 400 e 106 di Sky) trasmette in prima visione assoluta Bob Dylan – Trouble no more, il docu film diretto da Jennifer Lebeau che racconta i concerti della conversione al cristianesimo del Menestrello di Duluth tra la fine degli anni ‘70 e i primi anni ’80, documentando alcuni dei momenti più toccanti delle sue performance.

Realizzato mettendo insieme immagini e filmati dell’epoca, risalenti all’uscita di alcuni degli album di quel periodo: Slow Train Coming del 1979, Saved del 1980 e Shot of Love del 1981, la cosiddetta “trilogia cristiana” con canzoni che riflettono lo zelo del “born again”, del rinato a Cristo, Trouble no more conta anche su testi scritti da Luc Sante e recitati dall’attore Michael Shannon. Il film è stato accompagnato anche da un libro e una serie di bootleg celebrativi, messi in commercio nel 2017.

È la prima volta che un docu film cerca di raccontare la storia del Dylan “cristiano”, una storia affascinante ma ancora controversa. Oltre a dirigere Trouble no more, Jennifer Lebeau ha prodotto numerosi documentari su personaggi chiave del mondo della musica come Tony Bennett, Barbra Streisand, Mariah Carey, Marc Anthony e Gloria Estefan.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Filippo Andreani e Il secondo tempo. Sei ingredienti per un disco di cuore e pallone

next
Articolo Successivo

Non una di meno, un manifesto antisessismo per aprire un dibattito nel rap italiano

next