La lettera è firmata dalla responsabile del settore sicurezza dei vigili urbani, e dice che il corteo dovrà svolgersi “nel pieno rispetto sia della sicurezza della circolazione stradale in generale sia del corteo stesso in particolare, il quale dovrà snodarsi presso percorsi protetti, ovvero al di fuori della sede stradale (più precisamente sui marciapiedi)”. Succede a Corbetta, in provincia di Milano, dove Anpi e amministrazione comunale organizzano, per il secondo anno consecutivo, due manifestazioni distinte in occasione del XXV aprile: una sfilata con commemorazione il primo, una risottata in una tensostruttura la seconda. Da quest’anno, però, come ha denunciato Aldo Ateri dell’Anpi, c’è l’aggiunta del diktat dei vigili (a suo parere esecutori di una direttiva del sindaco Marco Ballarini), che obbligherebbe i manifestanti a camminare, per motivi di sicurezza sui marciapiedi. Marciapiedi assenti lungo l’80% del tragitto previsto dal corteo

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, dottoressa deruba il malato. Furti seriali in casa del pensionato, incastrata mentre ripulisce il portafogli

next
Articolo Successivo

Monza, gang di ragazzini rapinavano gli studenti pendolari con coltelli e pistole. Arrestati otto giovani: sei sono minorenni

next