Pur di non vedere la McDormand elevata a regina di Hollywood andrebbe bene perfino Meryl Streep. Nomination che calano inesorabili dall’alto come i rospi in Magnolia di PT Anderson (sono 21) la Streep non può cedere lo scettro politico del messaggio #MeToo e compagnia ad una McDormand qualsiasi. Anche perché la sua publisher Katharine Graham, nel The Post di Spielberg, è una signora d’altri tempi e tutta d’un pezzo che compie un gesto di coraggio che nemmeno quarant’anni dopo in un’America obamiana o trumpiana qualche suo omologo compirebbe. Dare addosso ad un politico amico di famiglia.

La sua interpretazione da 1971 è un piacevole e frivolo understatement vintage che nulla ha a che fare con l’insopportabile ed evanescente figura bislacca in Florence Foster Jenkins (20esima nomination) dello scorso anno.

INDIETRO

Oscar 2018, la miglior attrice protagonista: Sally Hawkins, Margot Robbie, Meryl Streep, Saoirse Ronan. Chiunque tranne Frances McDormand

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

next
Articolo Successivo

Film in uscita, cosa vedere e cosa no nel weekend delle elezioni e del maltempo (3 e 4 marzo)

next