A differenza della monocorde McDormand, letteralmente sempre lo stesso imbronciato faccione sia che reciti di fianco ad uno stralunato Brad Pitt o a un compunto Matt Damon, la Streep si trasforma ogni volta in una figura dalle forme, dalla lingua, dalle tonalità diverse. Chiaro, questa nomination è un pro forma, ma non c’è gara con nessuno. Infine, alla McDormand in Tre manifesti… concediamo almeno il merito di essere un pochino meglio della banale performance di Saoirse Ronan in Lady Bird. Grazie al ruolo dell’adolescente oppressa e buffa nella Sacramento cattolica dei giorni nostri nel film di Greta Gerwig, la 23enne attrice irlandese, già alla sua terza nomination, recita con la sufficienza di un’attrice consumata dal tempo e dalla noia una partitura di parole e smorfie da film delle medie come fosse una Thora Birch qualsiasi.

INDIETRO

Oscar 2018, la miglior attrice protagonista: Sally Hawkins, Margot Robbie, Meryl Streep, Saoirse Ronan. Chiunque tranne Frances McDormand

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

next
Articolo Successivo

Film in uscita, cosa vedere e cosa no nel weekend delle elezioni e del maltempo (3 e 4 marzo)

next