La miglior attrice che merita assolutamente l’Oscar 2018 si chiama Sally Hawkins per La Forma dell’Acqua. La Hawkins non deve conciarsi come un montanaro col codino e comportarsi come un uomo, non deve mettere su il broncio per due ore di film, non deve artificialmente nascondere la fragilità per un lutto (o per l’allontanarsi di qualcosa di caro). Alla divina interprete di The Shape of Water basta usare lo sguardo (nel film è muta), masturbarsi in una vasca da bagno, appoggiare segretamente uova sode sul bordo di una vasca.

Questione di stile, di fascino, di un legame antico con la dimensione fantastica e sognante dello schermo cinematografico che Sally ha fin dai set regali e realistici dei film di Mike Leigh (Happy Go-Lucky). Seconda nomination in carriera (la prima come attrice non protagonista in Blue Jasmine di Woody Allen nel 2013) la 43enne Hawkins è semplicemente splendida nella fiaba di Del Toro: è un tocco di speranza in mezzo alla poltiglia di un cinema furbetto e programmaticamente provocatore; è una donna che soffre, che vive, che sogna, che ama, in mezzo a quell’acqua che depura, che salva, che annienta il dolore sublimato tra i mostri. Non dare l’Oscar alla Hawkins sarebbe un delitto perpetrato con maligna saccenteria dall’Academy.

INDIETRO

Oscar 2018, la miglior attrice protagonista: Sally Hawkins, Margot Robbie, Meryl Streep, Saoirse Ronan. Chiunque tranne Frances McDormand

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

next
Articolo Successivo

Film in uscita, cosa vedere e cosa no nel weekend delle elezioni e del maltempo (3 e 4 marzo)

next