Se poi proprio non vi piace la Hawkins, allora prendete Margot Robbie. Si proprio lei. Sorpresi vero? Non è la grande attrice da Actor’s Studio di serie A che va su tutti i giornali a insegnare come si sta al mondo a colleghe e colleghi. Ebbene in I, Tonya (solo Tonya quando uscirà in Italia a fine marzo) è una straordinaria, violenta e rozza redneck (lo dice lei) che vuole innalzarsi a campionessa di pattinaggio artistico statunitense, poi olimpico con l’inganno, bestemmiando come una provinciale in crisi d’astinenza di alcol e botte (subite).

Ossigenata corta, poi con frangetta anni novanta, la Robbie si imbruttisce (un po’ come Charlize Theron in Monster) per trasmettere non solo la violenta volgarità antropologica e innata di una certa area geografica statunitense (in alcuni momenti sembra di vedere il documentario Louisiana di Minervini), ma anche per sottolineare come una volta entrati nel tunnel dell’orrore di una quotidianità sfatta non se ne esce di certo fingendo di essere più furbi e violenti degli altri (vedi appunto mamma McDormand). La 27enne australiana si ricorda sempre con immenso piacere anche nel più piccolo cameo visto fin d’ora. Un minuto di silenzio solo per la Naomi di The Wolf of Wall Street e andiamo avanti.

INDIETRO

Oscar 2018, la miglior attrice protagonista: Sally Hawkins, Margot Robbie, Meryl Streep, Saoirse Ronan. Chiunque tranne Frances McDormand

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

next
Articolo Successivo

Film in uscita, cosa vedere e cosa no nel weekend delle elezioni e del maltempo (3 e 4 marzo)

next