Premio acclamato all’unanimità, premio non sempre meritato. Nelle righe di accompagnamento alle nomination per l’Oscar alla Miglior Attrice Protagonista 2018 (e successivamente in quello dell’Oscar come Miglior Film) si perorerà la causa di qualunque attrice basta che non ci sia l’elogio all’interpretazione di Frances McDormand (già oscarizzata nel 1997 per Fargo) o al triste baraccone visivo di Tre manifesti a Ebbing, Missouri.

Quindi chi adora il filmetto di Martin McDonagh, e l’ennesima performance cazzuta e spaccona della McDormand, può già voltare pagina e magari leggersi lunghe intemerate a sostegno del film (manco fosse scesa dal cielo un’altra madonna Sorrentino) o rivedersi Fargo o Blood Simple, a scelta. Visto che annusando l’aria, e scorgendo le quote dei bookmakers, si è già capito che McDormand e Tre manifesti si porteranno a casa due Oscar per nulla dovuti, meglio smontare pezzo per pezzo l’entusiasmo vagamente snob e inutilmente risentito dei sostenitori di questa produzione che, detto tra parantesi, al Festival di Venezia è stata parecchio ridimensionata col premietto alla sceneggiatura (vivaddio). Allora, dicevamo delle attrici.

Oscar 2018, la miglior attrice protagonista: Sally Hawkins, Margot Robbie, Meryl Streep, Saoirse Ronan. Chiunque tranne Frances McDormand

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

next
Articolo Successivo

Film in uscita, cosa vedere e cosa no nel weekend delle elezioni e del maltempo (3 e 4 marzo)

next