La terza puntata dell’inchiesta di Fanpage sullo smaltimento illecito dei rifiuti tocca i massimi livelli della Sma, società regionale che si occupa proprio del ciclo dell’immondizia. Dopo l’incontro con l’amministratore Di Domenico (“Ci dobbiamo saziare tutti” dice il manager) e quello con Roberto De Luca (figlio del governatore regionale, che dopo la diffusione del video ha rassegnato le proprie dimissioni da assessore al Bilancio del Comune di Salerno), questa volta l’ex boss di Camorra Nunzio Perrella vede direttamente il presidente della Sma, Biagio Iacolare (“Io qua rappresento il governo regionale” dice), e il suo intermediario Mario “Rory” Oliviero, ex presidente del Consiglio comunale di Ercolano. Quest’ultimo, che si definisce delfino di Ciriaco De Mita al pari di Iacolare (“È De Mita che l’ha messo alla Sma” dice), chiede un contributo di 50mila euro per la sua campagna elettorale al Senato: “25mila al momento dell’invito, 25 dopo la firma”. Si ragiona di proroghe, di affidamenti diretti, di prezzo a tonnellata di rifiuti e di gare future. Il nome di Oliviero, poi, non sarà nella lista dei candidati, ma il 9 febbraio è lui stesso ad incontrare Perrella in un bar a Piazza dei Martiri, nel centro di Napoli. L’ex boss gli consegna una valigetta: dovevano esserci 50mila euro in contanti, invece c’era solo immondizia.

Si ringrazia Fanpage per il video