QUARTA SERATA. Claudio Baglioni ha deciso di trasformare il Festival da semplice programma televisivo ad esperienza onirica, che trascende i confini dello spazio-tempo. Puoi tornare a casa da lavoro, cucinare, cenare, lavare i piatti, addormentarti sul divano, risvegliarti di soprassalto, lavarti i denti, coricarti. E ci sarà ancora qualcuno che canta sul palco. Quando all’1.20 da dietro alle quinte comunicano che manca la classifica finale, persino il buon vecchio Pino Donaggio, presidente della giuria di qualità e qualche Sanremo alle spalle, mostra segni di impazienza. Ma nonostante le 19 pagine di scaletta e quasi 5 ore di diretta, lo spettacolo resta godibile. Merito dei duetti, nessuno particolarmente illustre ma quasi tutti ben riusciti. E soprattutto dei giovani: la nuova musica italiana è meglio di quella vecchia, e non è poi una notizia così cattiva. VOTO: 7

Sanremo 2018, le pagelle della quarta serata – La Nannini vorrebbe promuovere l’album, Baglioni pretende di cantare le sue canzoni con chiunque salga sul palco

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, la diretta della quarta serata. Ultimo è il vincitore della categoria giovani

next
Articolo Successivo

Festival di Sanremo 2018, ancora un record: 51,1% di share. Solo Fazio più “forte” di Baglioni

next