GHEMON. Il vero valore aggiunto: non si limita alla comparsata, ma reinterpreta e aggiunge una nuova strofa al brano di Diodato, conferendogli un’altra dimensione. Probabilmente il duetto migliore della serata. E poi la sua presenza a Sanremo dimostra che anche questo nuovo filone della musica italiana può stare (e pure bene) sul palco dell’Ariston. Basta volerlo. VOTO: 7,5

INDIETRO

Sanremo 2018, le pagelle della quarta serata – La Nannini vorrebbe promuovere l’album, Baglioni pretende di cantare le sue canzoni con chiunque salga sul palco

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, la diretta della quarta serata. Ultimo è il vincitore della categoria giovani

next
Articolo Successivo

Festival di Sanremo 2018, ancora un record: 51,1% di share. Solo Fazio più “forte” di Baglioni

next