Pochi se lo immaginano, ma nella capitale, nell’area archeologica delle Terme di Settimio Severo, ci sono dodici ettari in cui oggi vivono alberi plurisecolari e rarità botaniche. Gestito dal Dipartimento di Biologia ambientale dell’Università La Sapienza, le sue collezioni sono interessanti non solo per il valore scientifico, ma soprattutto per la modalità di coltivazione e ricostruzione scenografica degli ambienti, che aiutano a collocare idealmente gli esemplari nelle aree di origine. Impressionante vedere 3mila specie di piante. Di particolare importanza la collezione delle gimnosperme e delle palme, il Giardino dei Semplici con circa 200 piante medicinali, il roseto con più di 60 specie di rose, i giardini con piante mediterranee e desertiche e le serre con piante tropicali ed equatoriali. E se volete entrare nell’atmosfera giusta non resta che mettere i piedi anche nel palazzo e visitare gli appartamenti privati della regina Cristina di Svezia che soggiornò in quelle stanze nel Seicento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marche, la battaglia dei cittadini contro l’ampliamento della discarica Cornacchia

prev
Articolo Successivo

Lombardia, negli inceneritori non c’è posto per rifiuti delle imprese: “Gestori alzano i prezzi”. Scontro Regione-Governo

next