Riccardo Magrini è uscito dal coma farmacologico. Il commentatore di Eurosport – colpito da un infarto mentre era negli studi di Sky a Milano – è stato svegliato dai medici dell’ospedale San Raffaele dopo quasi 24 ore di sedazione, parla e ha potuto incontrare la famiglia e alcuni colleghi. “Novanta minuti in compagnia di Riccardo. È lui al 100%. È tornato – ha scritto su Facebook il collega Salvo Aiello – È provato ma recupera a vista d’occhio. Mi ha autorizzato a salutare tutti”.

Possono tirare un sospiro di sollievo, quindi, tutti gli appassionati che seguivano “il Magro” durante le sue telecronache delle più importanti gare di ciclismo, quelle che a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta lo avevano visto protagonista e vincitore di una tappa al Giro d’Italia e al Tour de France. Magrini, 62 anni, si era sentito male lunedì pomeriggio mentre era ospite nella tv di Rupert Murdoch.

Era stato soccorso dai colleghi Lucio Rizzica, Guido Meda e Giovanni Bruno: un intervento tempestivo e “vitale, hanno confermato i cardiologi del San Raffaele, grazie alla respirazione bocca a bocca e al massaggio cardiaco.

Probabilmente, senza la prontezza di Rizzica, che ha raccontato al Corriere di aver imparato le tecniche di primo soccorso durante i corsi organizzati dall’azienda, Magrini avrebbe avuto minori chance di superare l’infarto, il terzo della sua vita. “Qui non ci sono eroi, solo buoni cittadini – ha spiegato il giornalista di Sky – È stato un lavoro di squadra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Ischia, la visita di Mattarella: “La casa è una priorità. L’importante è rispettare le regole”

next
Articolo Successivo

Livorno, è morta l’attivista ustionata nell’incendio della “Torre degli sfrattati”

next