A 25 anni dalla bomba che uccise Paolo Borsellino insieme agli agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, resta ancora senza volto chi, dietro Cosa nostra, volle e ordinò l’eliminazione del magistrato a soli 57 giorni dalla strage di Capaci. Ferite ancora aperte, che non potranno essere sanate fino a che non sarà data piena risposta a questi interrogativi irrisolti. In occasione dell’anniversario, l’Associazione culturale Falcone e Borsellino in collaborazione con la Rete Universitaria Mediterranea e ContrariaMente hanno organizzato nell’atrio della Facoltà di Giurisprudenza di Palermo la conferenza “In che Stato è la mafia?”. Intervengono in qualità di relatori Nino Di Matteo, sostituto procuratore nazionale antimafia, Giuseppe Lombardo, procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Gianfranco Donadio, magistrato e attuale componente della commissione Moro, Antonio Ingroia, avvocato ed ex pm di Palermo, Saverio Lodato, giornalista e scrittore, Salvatore Borsellino, fondatore del movimento Agende Rosse e fratello di Paolo Borsellino, e il direttore di Antimafia Duemila Giorgio Bongiovanni. La conferenza sarà moderata dallo scrittore e giornalista Maurizio Torrealta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Privateers, le nuove mafie sono come il terrorismo: colpiscono ovunque e con violenza

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, Delrio testimone al processo Aemilia: ‘Andai dal prefetto con i cutresi, ma non contro le interdittive”

next