Una vita passata nella Camorra tra omicidi, traffici illeciti di rifiuti e riciclaggio di denaro sporco fino alla decisione di diventare collaboratore di giustizia. È la storia di Domenico Bidognetti, ex boss del clan dei Casalesi e ora pentito. A raccontarla è il giornalista Fabrizio Capecelatro nel libro Il sangue non si lava” (ABeditore) presentato il 13 luglio alla Società Umanitaria di Milano. “La sua testimonianza – racconta l’autore – aiuta a ricostruire quella che Obama definì la quarta organizzazione criminale più pericolosa al mondo“.
Capecelatro non è però ottimista che il pentitismo possa essere l’elemento decisivo per sconfiggere in modo definitivo le organizzazioni mafiose: “Possiamo avere tutti i collaboratori di giustizia che vogliamo ma la criminalità non verrà mai sconfitta perché non c’è la volontà politica e Napoli ne è la dimostrazione”. Alla presentazione del libro hanno partecipato anche Roberto Alfonso, Procuratore Generale di Milano, i giornalisti Raffaella Calandra (Radio24) e Sandro De Riccardis (Repubblica) e David Gentili, presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage Borsellino, processo di revisione: la corte d’Appello di Catania assolve tutti gli imputati condannati in precedenza

next
Articolo Successivo

Palermo, nella bara del boss mafioso i carabinieri trovano una pistola e un pacchetto di sigarette

next