Una vita passata nella Camorra tra omicidi, traffici illeciti di rifiuti e riciclaggio di denaro sporco fino alla decisione di diventare collaboratore di giustizia. È la storia di Domenico Bidognetti, ex boss del clan dei Casalesi e ora pentito. A raccontarla è il giornalista Fabrizio Capecelatro nel libro Il sangue non si lava” (ABeditore) presentato il 13 luglio alla Società Umanitaria di Milano. “La sua testimonianza – racconta l’autore – aiuta a ricostruire quella che Obama definì la quarta organizzazione criminale più pericolosa al mondo“.
Capecelatro non è però ottimista che il pentitismo possa essere l’elemento decisivo per sconfiggere in modo definitivo le organizzazioni mafiose: “Possiamo avere tutti i collaboratori di giustizia che vogliamo ma la criminalità non verrà mai sconfitta perché non c’è la volontà politica e Napoli ne è la dimostrazione”. Alla presentazione del libro hanno partecipato anche Roberto Alfonso, Procuratore Generale di Milano, i giornalisti Raffaella Calandra (Radio24) e Sandro De Riccardis (Repubblica) e David Gentili, presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage Borsellino, processo di revisione: la corte d’Appello di Catania assolve tutti gli imputati condannati in precedenza

prev
Articolo Successivo

Palermo, nella bara del boss mafioso i carabinieri trovano una pistola e un pacchetto di sigarette

next