Il ministro Fedeli è stata ferita durante la bagarre al Senato? Ho visto le immagini del Fatto Quotidiano, non mi sembra abbia subito alcuna aggressione. Se vedete la moviola, non si vede nessun contatto. Chiedo ufficialmente la prova televisiva, come avvenne per il caso Barani“. Sono le parole del senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, ospite di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), a proposito dei tafferugli avvenuti ieri in Senato, durante la discussione sulla legge relativa allo Ius Soli. “Se fosse la moviola di un rigore, direi che il rigore non c’è” – continua – “c’è una polemica che riguarda anche il personale del Senato, che io credo faccia semplicemente il proprio dovere, non può finire tutto a tarallucci e vino. In altre occasioni abbiamo guardato dei filmati, abbiamo fatto la moviola. Ora si dovrà fare lo stesso. Bisogna rivedere le immagini e fare chiarezza. Chiedo la prova televisiva”. Poi minimizza l’accaduto: “La Lega ha voluto un po’ scaldare gli animi, come succede tante volte in Parlamento, basti pensare alle proteste del M5S. Non mi scandalizzerei, ma credo che l’opposizione vada condotta nel merito, sui temi, per evitare che la sinistra sfrutti degli episodi come questi per fare il solito vittimismo“. E aggiunge: “Questa legge non passerà mai, come non passerà mai quella sulla legalizzazione delle droghe leggere. Sono pronto ad accettare scommesse. A Renzi, quindi, auguriamo la sua rovina. Si scavi la fossa. Repubblica gli darà la pala”. Battuta finale sul presunto incontro tra il leader della Lega, Matteo Salvini, e Davide Casaleggio: “Ma l’avete visto Casaleggio? L’avete sentito parlare? Voi incontrereste Casaleggio? Dai, su

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

D’Alema annuncia il suo ritorno: “Se i pugliesi mi chiederanno di candidarmi, mi prenderò le mie responsabilità”

prev
Articolo Successivo

Consip, al Senato il Pd chiede di cacciare l’ad Marroni: è il grande accusatore dell’indagato Lotti. Che resta ministro

next