Durante gli attimi più concitati della giornata di ieri nell’Aula di Palazzo Madama, dove si è votato per l’inversione dei lavori parlamentari, per permettere una più rapida calendarizzazione ed approvazione dello ‘Ius Soli‘, tra i senatori che più protestano contro le decisioni prese del Presidente del Senato, Piero Grasso, c’è il capogruppo dei della Lega Nord, Gian Marco Centinaio. Dalle nostre immagini e da un video realizzato con lo smatphone dai banchi dell’emiciclo dal senatore M5S, Maurizio Buccarella, che ha postato il video sulla sua pagina Facebook, si vedono e si sentono chiaramente gli insulti che Centinaio rivolge alla seconda carica dello Stato. Prima “sei un infame” mentre è trattenuto a stento dai questori del senato e poi, mentre si appresta a tornare al proprio posto, il presidente dei senatori del ‘Carroccio’ è senza freni e si rivolge così al Presidente Grasso: “Terrone di m…“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Musei, consiglio di Stato sospende la sentenza del Tar del Lazio: direttori tornano in servizio. Per ora

prev
Articolo Successivo

Perché i renziani hanno torto anche quando hanno ragione?

next