Padiglione Francese, Giardini
L’artista Xavier Veilhan, con i curatori Christian Marclay e Lionel Bovier, trasformano lo spazio dei giardini in un articolato studio di registrazione apertamente ispirato all’opera più complessa di Kurt Schwitter “Merzbau”. All’interno di un ambiente multiforme un’alternanza di musicisti e fonici internazionali si esibiranno per tutto l’arco dell’evento trasformando il padiglione in una pulsante e inesauribile sperimentazione sonora.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emmanuel Macron, così trionfa la cultura liquida post-ideologica

next
Articolo Successivo

Barbara D’Urso compie 60 anni: “In amore non concepisco il “trombamico”. Ho sempre pensato che le mie relazioni fossero per la vita”

next