Gli “scissionisti”/2 – Enrico Rossi
rossi 240Presidente della Regione Toscana dal 2010, nel 2013 ha sostenuto Gianni Cuperlo. Per anni ha assunto una posizione di “a-renziano”, nel senso di non renziano, evitando quindi polemiche continue (distinguendosi così dalla minoranza parlamentare del Pd). E’ stato il primo a candidarsi alla segreteria (parola chiave: “socialista”). Sogna un esito delle primarie come quello di Hamon nel partito socialista in Francia. Sostiene una “rifondazione” del partito.

Dopo essere rimasto a lungo voce isolata e distinta rispetto al resto della sinistra Pd, l’accelerazione delle ultime settimane ha portato all’unione dei tre candidati alternativi a Renzi: Speranza, Emiliano e Rossi.

Non ha correnti da far pesare alla prossima assemblea, anche se può contare su una serie di amministratori locali che si stanno avvicinando alla sua associazione Democraticisocialisti.

INDIETRO

Pd tra lealisti, scissionisti, lupi solitari, pontieri: mappa delle fazioni all’assemblea che può portare all’addio

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

D’Alema è già al dopo Pd: “Strumenti in campo inutili. Serve alternativa”. E cita Bobbio e Gramsci

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Terza polizza? Io estranea, verificherò con i miei avvocati”

next