Dov’è nato l’asse Speranza-Emiliano-Rossi? Proprio a casa del presidente della Regione Toscana, lo scorso fine settimana. E ora la presentazione della sua associazione, Democraticisocialisti, sabato prossimo, diventerà una sorta di controassemblea del Pd, che riunirà anche gli altri leader “anti-Renzi”, cioè Michele Emiliano e Roberto Speranza. Alla casa del popolo di San Bartolo a Cintoia, storico luogo della sinistra fiorentina, si è ritrovato il popolo della minoranza Pd, vecchie facce antirenziane come Michele Ventura (lo sfidante di Renzi alle Comunali di Firenze nel 2009) ma anche fedelissimi dell’ex premier come il segretario regionale Dario Parrini (“Caro Rossi, sei tornato dalemiano e stai rinfocolando le divisioni”) e il direttore dell’Unità Sergio Staino. “Può nascere un fiore”, è stato il titolo scelto per la convention fiorentina.

Tra i due governatori baci e abbracci, ma la sfida al fiore più bello del reame anti-Renzi è già partita. “Per quanto mi riguarda ho scritto un volumetto e avanzato cinque proposte. Il 18 febbraio presenterò anche una bozza di manifesto della mia associazione Democraticisocialisti. Aspetto altrettanto dagli altri per un serio confronto”, è il guanto di sfida di Rossi che nel suo pantheon politico colloca Enrico Berlinguer, Sandro Pertini e Tina Anselmi, mentre tra i viventi si rifà a Bernie Sanders sognando nientemeno che di rilanciare l’idea del socialismo,

Non a casa nel sottotitolo di Democraticisocialisti è strillato in maiuscolo “Lotta al socialismo” e “Lotta per la democrazia”. Nel lessico rossiano tornano parole perdute o dimenticate dalla sinistra come “coscienza di classe”, il nemico numero uno è il liberismo e il capitale finanziario mentre il cuore della proposta politica ruota attorno al lavoro: “Una nuova sinistra socialista deve porsi come obiettivo la riconciliazione del lavoro rendendolo nuovamente elemento centrale della nostra idea di società”, spiega Rossi che propone “un nuovo patto tra capitale e lavoro contro la rendita”. E per farsi capire bene dalla platea fiorentina degli antirenziani, Rossi ha precisato che nel suo Pd non ci sarà spazio per gli Oscar Farinetti e meno che mai per i Sergio Marchionne. Gli azzardi amicali di Renzi suonano come compagnie politicamente indecenti per il governatore della Toscana.

Fin qui i sogni, i programmi, il pantheon politico di Rossi. E i suoi uomini? Dei perfetti signor Rossi: normali e quasi anonimi amministratori di Comuni e Regioni. I compagni della porta accanto. Il governatore resuscita il passato migliore della sinistra, da Berlinguer a Pertini, ma non i suoi attuali capi storici. Quando più di un anno fa decise di candidarsi a segretario del Pd, sul cellulare di Rossi arrivarono, così racconta, sms non proprio benevoli da parte di Massimo D’Alema e Pierluigi Bersani. Se Renzi li ha rottamati, Rossi li riconosce, ma corre in proprio.

L’unico personaggio del vecchio establishment Pds-Ds è Peppino Caldarola, 71 anni, ex deputato e ex direttore dell’Unità, che è il presidente e il regista dell’associazione Democraticisocialisti. Tommaso Giuntella, 33 anni, è il coordinatore politico dell’associazione dopo aver coordinato nel 2012 la campagna nazionale di Bersani per le primarie. L’organizzazione è invece nelle mani di un altro giovane, Mirko Tutino, 34 anni,  assessore comunale a Reggio Emilia, nella giunta guidata da Luca Vecchi, erede di Graziano Delrio. Reggio pare una piccola enclave dell’associazione Democraticisocialisti. Reggiana infatti è anche Silvia Prodi, ingegnere nucleare di 42 anni, membra del direttivo dell’associazione, nonché consigliere regionale dell’Emilia Romagna, e nipote di Romano Prodi. Il padre politico dell’Ulivo è da tempo un grande estimatore di Rossi il cui nome circolò come possibile ministro della Sanità nel secondo governo Prodi, quello che durò dal 2006 al 2008. Nel direttivo dell’associazioni figurano anche Barbara Pinzuti, portavoce regionale toscana, 41 anni, ex segretaria del Pd grossetano. Poi ci sono i coordinatori delle varie aree del Paese: Lucio Libonati si occupa del Sud, Antonello Chianella, umbro, del Centro e Tutino del Nord.

E’ stata inoltre organizzata una rete digitale di 4mila militanti che, come spiega Giuntella,  “stanno sperimentando una nuova forma di comunità politica mediata e partecipativa”. A Democraticisocialisti ci si può iscrivere, la tessera color rossa ha un costo minimo di 2 euro. Già raccolte oltre 4mila tessere, sostengono gli organizzatori.

Tra gli amici di Rossi c’è anche Adriano Sofri che richiama le sue origini pisane. Nato a Bientina nel 1958 da famiglia contadina, laureato con una tesi sulla filosofa ungherese Agnes Heller, Rossi è cresciuto politicamente nella colta federazione del Pci di Pisa, dove ha militato anche Massimo D’Alema. Da sindaco di Pontedera si è battuto per la permanenza della Piaggio in terra pisana alleandosi con il presidente Giovannino Agnelli. Poi il balzo in Regione, dieci anni alla guida del potente assessorato alla sanità, con molti elogi (a cominciare da quello dell’ex ministro Giulio Tremonti) e qualche ombra, come nella vicenda del buco di 400 milioni dell’Asl di Massa, denunciata dallo stesso Rossi ma che gli ha procurato non poche critiche. Infine l’elezione a presidente, nel 2010, e il lungo e controverso rapporto con Renzi. Tra critiche e accordi. Ora è il momento della guerra: “Se diventerò segretario del Pd Renzi non sarà mai più presidente del Consiglio”.