Chi sta con Renzi? Chi è suo avversario? Quali sono i rapporti di forza? Cosa vuole chi parla di scissione? Su che posizione resta chi ha la guida del partito e cosa propongono i mediatori per un evento – la scissione – che viene definito alternativamente “disastro”, “dramma”, “tragedia”, “ferita” o “incubo”, come ha detto da ultimo il più vigoroso sostenitore della nascita del Partito Democratico, cioè Walter Veltroni? Ecco la mappa del Pd in una situazione che cambia giorno dopo giorno, e che porterà l’assemblea di domenica prossima e, il giorno prima, alla “Controassemblea” di Rossi, Emiliano e Speranza. L’obiettivo dei renziani – sostenuti dalla corrente di Franceschini – è fare le primarie già il 9 aprile e quindi dedicare marzo ai congressi dei circoli. Una vera corsa contro il tempo. All’assemblea parteciperanno in mille più i cento in rappresentanza dei parlamentari del Partito democratico. Per avviare l’assemblea bastano circa 500 delegati.

Pd tra lealisti, scissionisti, lupi solitari, pontieri: mappa delle fazioni all’assemblea che può portare all’addio

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

D’Alema è già al dopo Pd: “Strumenti in campo inutili. Serve alternativa”. E cita Bobbio e Gramsci

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Terza polizza? Io estranea, verificherò con i miei avvocati”

next