Chi sta con Renzi? Chi è suo avversario? Quali sono i rapporti di forza? Cosa vuole chi parla di scissione? Su che posizione resta chi ha la guida del partito e cosa propongono i mediatori per un evento – la scissione – che viene definito alternativamente “disastro”, “dramma”, “tragedia”, “ferita” o “incubo”, come ha detto da ultimo il più vigoroso sostenitore della nascita del Partito Democratico, cioè Walter Veltroni? Ecco la mappa del Pd in una situazione che cambia giorno dopo giorno, e che porterà l’assemblea di domenica prossima e, il giorno prima, alla “Controassemblea” di Rossi, Emiliano e Speranza. L’obiettivo dei renziani – sostenuti dalla corrente di Franceschini – è fare le primarie già il 9 aprile e quindi dedicare marzo ai congressi dei circoli. Una vera corsa contro il tempo. All’assemblea parteciperanno in mille più i cento in rappresentanza dei parlamentari del Partito democratico. Per avviare l’assemblea bastano circa 500 delegati.

Pd tra lealisti, scissionisti, lupi solitari, pontieri: mappa delle fazioni all’assemblea che può portare all’addio

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

D’Alema è già al dopo Pd: “Strumenti in campo inutili. Serve alternativa”. E cita Bobbio e Gramsci

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Terza polizza? Io estranea, verificherò con i miei avvocati”

next