I mediatori/1 – Giovani Turchi
Puglia, mafiosi liberi “per errore”: Orlando avvia le verificheI Giovani Turchi hanno sostenuto Gianni Cuperlo al congresso 2013: dopo la sconfitta hanno collaborato con la nuova segreteria e soprattutto hanno partecipato in prima linea nell’azione di governo, nel quale Orlando è stato ministro guardasigilli. Orfini, invece, è diventato presidente del partito dopo che è fallita – in breve tempo – la coabitazione Renzi segretario-Cuperlo presidente. I Giovani Turchi rappresentano circa il 10 per cento dei delegati all’assemblea.

Si sono riuniti per decidere una linea comune visto che da una parte Orfini è rimasto aderente alla linea di Renzi e dall’altra Orlando ha espresso il proprio scetticismo nei confronti dell’accelerazione del congresso. Prima di avviare il congresso – secondo Orlando – serve una conferenza programmatica per ripensare e riposizionare il partito dopo la sconfitta al referendum e dopo

Il presidente dem Matteo Orfini

l’esperienza di governo che, secondo lui, va analizzata insieme alla base degli iscritti per capire cosa è andato bene e cosa no. Questa linea è passata come posizione unitaria della corrente, anche se l’unità sembra più apparente che altro.

Ora su una posizione simile – che in un primo momento era più cauta, senza strappi nei confronti di Renzi – si è messa con qualche sfumatura di differenza anche un’altra corrente di sinistra che ha collaborato con Renzi, Sinistra è cambiamento di Maurizio Martina.

Pd tra lealisti, scissionisti, lupi solitari, pontieri: mappa delle fazioni all’assemblea che può portare all’addio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

D’Alema è già al dopo Pd: “Strumenti in campo inutili. Serve alternativa”. E cita Bobbio e Gramsci

prev
Articolo Successivo

Fake news, Di Battista: “Chat? Siamo bersaglio di editori impuri che curano interessi economici”

next