Gli “scissionisti”/1 – I bersaniani
bersani-mani-giunte-675Nel 2013 la corrente di Sinistra riformista ha sostenuto Gianni Cuperlo, ma attualmente esprimono (forse) il 10 per cento dei delegati all’assemblea. Poche settimane fa ha lanciato la candidatura di Roberto Speranza, ex capogruppo alla Camera del Pd, che si dimise perché contrario all’Italicum.

Sono quelli che usano le parole più dure nei confronti di Renzi e della sua linea e sono stati coloro che hanno avversato di più in questi anni il governo guidato dal segretario. Pierluigi Bersani, leader storico, ha più volte lamentato di non avere spazi di discussione (rovesciando il concetto di Renzi della “discussione senza mai decidere”) e proprio ieri ha detto che la “scissione c’è già, tra gli iscritti” e che il segretario invece di unire ha solo “messo le dita negli occhi” a chi chiedeva un confronto.

Bersani, storicamente, è sempre stato visto come un avversario di Massimo D’Alema, ma ora – in questa ultima battaglia – si trova grossomodo sulle stesse posizioni.

Pd tra lealisti, scissionisti, lupi solitari, pontieri: mappa delle fazioni all’assemblea che può portare all’addio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

D’Alema è già al dopo Pd: “Strumenti in campo inutili. Serve alternativa”. E cita Bobbio e Gramsci

prev
Articolo Successivo

Fake news, Di Battista: “Chat? Siamo bersaglio di editori impuri che curano interessi economici”

next