Giulia Spizzichino, morta nella notte a 90 anni, è stata testimone della Shoah ed è stata colei che ha permesso l’estradizione in Italia di Erich Priebke. La donna perse gran parte della sua famiglia nell’eccidio delle Fosse Ardeatine. A dare notizia della sua scomparsa è l’ufficio stampa della Comunità Ebraica di Roma. “Ci ha lasciati Giulia Spizzichino. Aveva da poco festeggiato il suo compleanno. Diamo onore ad un eroina della nostra Comunità. La sua tenacia ha consentito al nostro Paese di processare Priebke, che andò a scovarlo personalmente a Bariloche, in Argentina”, ha commentato l’ex presidente della comunità ebraica Riccardo Pacifici.

Spizzichino fu cacciata a undici anni dalla scuola per le leggi razziali imposte dal regime mussoliniano e i suoi parenti vennero catturati dai nazisti nella retata del 21 marzo 1944 dopo la delazione di un fascista. Si salvò miracolosamente insieme alla madre perché in quel momento non si trovava insieme al resto della famiglia. La sua storia è raccontata nel libro “La farfalla impazzita – Dalle Fosse Ardeatine al processo Priebke“, curato da Roberto Riccardi, per raccontare gli avvenimenti della sua vita. Fu lei che nel 1994 si recò personalmente in Argentina per far estradare il “boia nazista” e capitano delle SS Priebke dove, fino ad allora, aveva vissuto senza mai affrontare la giustizia.

“Il compito delle Istituzioni è quello di impegnarsi costantemente per formare una nuova generazione di testimoni capaci di guardare al futuro con la consapevolezza di quello che è stato”, ha dichiarato in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Sulla morte della donna è intervenuto con una nota anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Ho appreso con profonda commozione la notizia della scomparsa di Giulia Spizzichino. Nel ricordo di questa donna coraggiosa, porgo alla famiglia e alla comunità ebraica della Capitale profondi sentimenti di cordoglio e vicinanza”.

(Foto da YouTube)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, condannati gli scafisti del naufragio che costò la vita a 700 persone: 18 anni al comandante e 6 al ‘secondo’

prev
Articolo Successivo

Giochi e riciclaggio, Francesco Corallo e Amedeo Laboccetta arrestati. Indagato Giancarlo Tulliani, cognato di Fini

next