Nuovi investimenti per l’estrazione di idrocarburi, più posti di lavoro in Basilicata e Sicilia
schermata-2016-11-18-alle-14-20-52Fallito – Ai tempi del referendum sulle trivelle Assomineraria stimava in 29mila i lavoratori nel settore in tutta Italia (10mila impegnati nell’estrazione e 19mila nell’indotto) In Sicilia, invece, al netto delle trivelle (che sono praticamente le stesse di 3 anni fa), si può dire che nel settore idrocarburi si siano perse alcune centinaia di posti di lavoro. Secondo la Cisl negli ultimi 3 anni sono svaniti 480 posti di lavoro nell’area del petrolchimico di Gela (ovviamente compreso l’indotto): 350 ex lavoratori del petrolchimico sono fuori dal ciclo produttivo, l’80 percento di questi finiranno la mobilità a dicembre. Nel frattempo è fermo al palo il progetto di riconversione dell’impianto in bioraffineria.

Renzi, passo dopo passo su giustizia e infrastrutture promesse mantenute (con molti ma). Lo scoglio? La prescrizione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Centrodestra, Parisi lancia il suo soggetto politico: “Berlusconi? Forza Italia così non può andare avanti”

prev
Articolo Successivo

De Luca: “Bindi? Anche Sordi disse: ‘Va a morì ammazzato’. Butti sangue e ti devi guardare da farabutti”

next