Prima erano i classici cento giorni. Scaduti i cento giorni, ecco i mille giorni. Erano i giorni in cui il capo del governo usciva dal consiglio dei ministri e nel cortile di Palazzo Chigi, accanto a un carretto bianco, offriva gelato di Grom ai giornalisti. Poco prima infatti l’Economist l’aveva ritratto in prima pagina con un cono in mano su una barchetta di carta a bordo della quale si trovavano Merkel e Hollande e soprattutto Draghi che cercava di togliere l’acqua per non affondare. “I mille giorni – disse Matteo Renzi, presentando il sito passodopopasso.it – sono una occasione ghiotta per la politica: dimostrare che le riforme si renzi-economistpossono fare. Questo è il Paese che è apparso sulla scena internazionale come il Paese dei veti. Dei no, non si può. Delle lungaggini e delle procedure. Al termine di questo periodo avremo un Paese più coraggioso, più semplice, più competitivo. E dunque una politica più credibile”.

Oggi cadono i mille giorni dal giuramento del governo Renzi, mentre i mille giorni di “Passo dopo passo” sono partiti dal primo settembre 2014, quindi scadranno tra 190 giorni. E ilfattoquotidiano.it, come fa spesso, ha voluto analizzare le slide con le quali il presidente presentò le tappe di quel percorso: infrastrutture, giustizia, energia. Su alcune questioni come crescita, lavoro, tasse e spending review, parliamo a parte (qui)

Con qualche avvertenza. La prima qui ci soffermiamo solo su alcune slide, non ci sono quelle relative a economia e lavoro, appunto. La seconda avvertenza è che le cose da fare erano un po’ di “taglio basso”, come la nomina del commissario per Bagnoli e la fissazione delle date per il completamento della riqualificazione, che come promessa da mantenere è un po’ facile.

In altri casi, invece, il messaggio era più preciso e il risultato è che le promesse sono state mantenute, anche se con qualche “ma”, come sul Tap e sull’Alta velocità ferroviaria in Sicilia. Sulla giustizia, in particolare, sono state approvate le leggi per la introduzione dell’autoriciclaggio e la reintroduzione del falso in bilancio, mentre lo scoglio più difficile da superare resta ancora la riforma della prescrizione: è inserito nel ddl penale che però il Senato da mesi non riesce a votare, nonostante gli appelli del ministro guardasigilli Andrea Orlando, per la balbuzie della maggioranza di cui fanno parte anche centristi e alfaniani, tradizionalmente più garantisti. Di seguito il bilancio delle promesse di quelle slide.

a cura di Tiziana Colluto, Luisiana Gaita e Giuseppe Pipitone

Clicca qui per continuare

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centrodestra, Parisi lancia il suo soggetto politico: “Berlusconi? Forza Italia così non può andare avanti”

next
Articolo Successivo

De Luca: “Bindi? Anche Sordi disse: ‘Va a morì ammazzato’. Butti sangue e ti devi guardare da farabutti”

next