Autoriciclaggio, falso in bilancio, prescrizione
schermata-2016-11-18-alle-14-19-22Mantenuto per due, non per il terzo – I primi due sono diventati legge tra la fine del 2014 e la prima metà del 2015, la seconda è compresa nel ddl penale ancora da approvare. La legge è infatti ferma al Senato, nonostante l’ok in commissione sia arrivato già in estate. Più volte il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha garantito un’imminente approvazione, ma il governo ha dovuto fare i conti con le tensioni e la reciproca diffidenza tra i partiti della maggioranza. L’esito è che la riforma penale è ferma al Senato e non arriva in Aula. Il ministro aveva auspicato una volta di più che il provvedimento fosse calendarizzato entro il 4 dicembre, giorno del voto sul referendum, ma la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama ha rinviato – su richiesta del Pd – a subito dopo la consultazione. 

Renzi, passo dopo passo su giustizia e infrastrutture promesse mantenute (con molti ma). Lo scoglio? La prescrizione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Centrodestra, Parisi lancia il suo soggetto politico: “Berlusconi? Forza Italia così non può andare avanti”

prev
Articolo Successivo

De Luca: “Bindi? Anche Sordi disse: ‘Va a morì ammazzato’. Butti sangue e ti devi guardare da farabutti”

next