Un poliziotto di Chicago è stato incriminato per  violazione di diritti civili in seguito ad un episodio di violenza accaduto nel dicembre 2013. L’incidente è stato immortalato dalla dashcam di una volante. Giovedì scorso, Marco Proano, 41 anni, è stato accusato da una grand jury di uso irragionevole della forza contro due ragazzi che stavano viaggiando su un’auto, insieme ad altri quattro coetanei, oltre i limiti di velocità consentiti dalla legge. Nel filmato si vede l’auto con dei ragazzi che cerca di allontanarsi dalla polizia e l’agente Proano esplodere numerosi colpi di pistola contro di loro. Uno dei giovani è stato raggiunto alla spalla da un proiettile mentre un altro ha riportato ferite all’anca e ad un tallone. I due feriti hanno depositato una causa contro la città di Chicago per chiedere un risarcimento di 360mila dollari

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bombe in New Jersey, sindaco di Elizabeth: “Ordigno trovato per caso tra i rifiuti”

prev
Articolo Successivo

Niger: la storia delle migrazioni, ovvero la nostra storia

next