L’Europeo della prima volta del Portogallo e dello psicodramma della Francia, della piccola grande Italia e della favola dell’Islanda. Euro 2016 verrà ricordato soprattutto per i vincitori che non avevano mai vinto, le tante cenerentole. E per i grandi attesi che hanno tutti deluso: i padroni di casa, il Belgio di Wilmots e l’Inghilterra di Hodgson, anche la Germania di Müller. Tanti protagonisti mancati di un torneo che è riuscito in qualche modo a farne a meno.

Roy Hodgson il Tafazzi, Wilmots il sopravvalutato, Muller non pervenuto. Per fortuna c’è l’Islanda

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili