ronaldo 675Cristiano Ronaldo – Arrivato all’Europeo come uno dei più talentuosi e uno dei più antipatici calciatori della storia, CR7 riparte da Parigi da trionfatore e, soprattutto, con un’immagine diversa. L’infortunio nei primi minuti della finalissima con la Francia, le lacrime, i social che esplodono di solidarietà e rispetto. E poi la sofferenza in panchina, l’usurpazione del ruolo di commissario tecnico, le invasioni dell’area tecnica francese per incitare i compagni di squadra, il trionfo finale e la corsa claudicante ad abbracciare il resto della squadra dopo il fischio finale. Cristiano Ronaldo non è solo un talento enorme, ma anche un personaggio decisamente pop: il figlio nato da non si sa chi, le voci sempre più insistenti su alcune amicizie maschili, un carattere fumantino assai, una naturale predisposizione alla teatralità che ne fanno una delle icone più forti degli ultimi decenni del calcio mondiale. Le caratteristiche epiche della vittoria contro la Francia ci regalano un CR7 diverso dal solito: resta una leggenda, ma adesso è una leggenda con ampie venature di umanità. Ed è un mezzo miracolo. VOTO: 10

Europei 2016, contropagellone (più o meno definitivo): tra il ciuffo di Pellè e il pacco del Grande Match, provaci ancora David Guetta

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, il contropagellone: da Spalman Conte a Oronzo Canà Tavecchio. Il voto di Thiago Motta? Ha i suoi tempi, arriverà entro i mondiali del 2018

prev