islanda 675Islanda  Le favole forse non esistono, e di sicuro la retorica con cui spesso vengono raccontante tende ad annoiare. Ma l’avventura islandese a Euro 2016 resterà negli annali: una nazione di trecentomila abitanti, ai confini settentrionali del mondo, una terra di ghiaccio e fuoco, di una civiltà quasi esasperante, di musica per fighetti occidentali, scende sul terreno ultranazionapopolare del calcio e lascia il segno. I giocatori dalla barba più hipster che vichinga, i tifosi gioiosi e allegri, quella sorta di “haka” in salsa islandese che ha conquistato tutti: tutto questo e molto altro hanno contribuito a rendere l’esperienza dell’Islanda a Euro 2016 in una favola contemporanea, nel linguaggio e nei contenuti, e quindi per nulla noiosa, per nulla retorica. Forse si è trattato di un exploit irripetibile, forse no. Ma almeno, adesso, anche chi non ama la sofisticata musica di Björk e dei Sigur Ros può dire la sua, quando si parla di Islanda. VOTO: 9

INDIETRO

Europei 2016, contropagellone (più o meno definitivo): tra il ciuffo di Pellè e il pacco del Grande Match, provaci ancora David Guetta

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili