Si nascondeva a Molochio, in provincia di Reggio Calabria e nel cuore della piana di Gioia Tauro dove era un punto di riferimento assoluto della ‘ndrangheta. A scovarlo sono stati i carabinieri, che dopo 20 anni hanno messo fine alla sua latitanza: Ernesto Fazzalari era il ricercato più pericoloso dopo il boss della mafia siciliana Matteo Messina Denaro. All’interno dell’abitazione, al momento dell’irruzione, era presente anche una donna che è stata arrestata per i reati di procurata inosservanza di pena, concorso in detenzione di arma comune da sparo e ricettazione. “La forza della ‘ndrangheta è quella di poter contare da un lato sulla paura della gente e dall’altro sulle connivenze“, ha detto il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, nel corso della conferenza stampa. Venti anni di latitanza – ha aggiunto – dimostrano che il territorio è stato favorevole a Fazzalari. Già nel 2004 eravamo arrivati alla sua abitazione, ma l’aveva lasciata poco prima. Oramai non abbiamo quasi più latitanti. È evidente che questo dimostra come lo Stato sia capace di fare applicare la legge”. “È stato un capo in piena operatività che – ha sottolineato il procuratore aggiunto Gaetano Paci – godeva del pieno sostegno dell’organizzazione”

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato il boss Ernesto Fazzalari, latitante da 20 anni. Era il 2° più pericoloso dopo Messina Denaro

next
Articolo Successivo

Calabria, lo studio: “Ricchezza diminuisce quando calano i reati”. Ecco l’impatto della criminalità sull’economia

next